Le virtù dell’arcobaleno

In casa: nella zona giorno sono adatti  i colori tenui, come il beige e il panna, che creano atmosfere accoglienti oppure le tinte calde, come l’arancione o il giallo-oro, che danno vitalità. È possibile anche alternare una parete bianca a una colorata, ma è meglio evitare colori scuri, che spengono le conversazioni;

 

               in cucina vanno bene i colori chiari e le tinte calde come rosso, arancio, giallo, specie se è necessario scaldare atmosfere high-tech, dove prevale l’acciaio;

 

               in camera da letto è meglio usare tonalità fredde e scure, come blu, viola, azzurro e verde (il blu è efficace contro l’insonnia). Si sconsiglia il rosso o l’arancione;

 

               in bagno sono da preferire i colori dall’effetto calmante, come blu, azzurro e verde, anche nelle tonalità più chiare o in alternativa il giallo pallido;

 

               nello studio i colori migliori sono quelli neutri, magari combinando il bianco con una tinta calda nelle sfumature chiare, che esercita un effetto stimolante, ma non ha un impatto visivo eccessivo;

 

               nella stanza dei bambini vanno bene le tinte vivaci, come rosso, arancione o giallo. Quest’ultimo ha un effetto rallegrante ed è l’ideale se la cameretta non è molto luminosa.

 

In casa è risultato molto utile l’uso di vetrate o inserti di vetri colorati nelle finestre: quelli azzurrati, di giorno aiutano a rilassarsi.

 

Caratteristiche e funzioni:

 

Rosso: è il più caldo dei colori, ha un effetto stimolante, decongestionante, coagulante e cicatrizzante. Aumenta l’energia, la vitalità, la circolazione e il calore nei tessuti, è un buon coadiuvante nella cura dell’anemia e stimola i sensi e gli organi pigri; simboleggia il sole, il fuoco, la passione e il sangue. Si ritiene abbia un effetto antirughe e anticellulite.

 

Arancione: ha una funzione normalizzatrice, è usato per curare asma e disturbi respiratori ed è un antirachitico; simbolo della fiamma, ridona entusiasmo, allegria e vitalità. Nei toni dorati ha un potente effetto su fegato e tiroide e rilassa la tensione nervosa. È un ottimo coadiuvante nella cura della depressione e di tutti gli stati di malinconia.

 

Blu: è il colore antinfiammatorio per eccellenza, che può essere usato in molte situazioni, contro il mal di testa, dolori vari, traumi o irritazioni. È il colore del buon sonno e del profondo relax. Simbolo di pace, calma e contemplazione, il blu induce la tranquillità e calma l’agitazione fisica e mentale.

 

Viola: a livello psicologico, ha una doppia valenza: stimola le persone introspettive e deprime quelle pragmatiche e materialiste. Riequilibra il sistema nervoso centrale ed è impiegato per curare traumi cranici e crampi  e per favorire la perdita dei chili in eccesso.

 

Giallo: è uno stimolante motorio (sui muscoli) e un ricostituente per il sistema nervoso: attiva tutte le funzioni fisiologiche e ha un’azione benefica sull’intero sistema digerente, anche sulle funzioni intestinali. È di grande aiuto nella cura delle malattie in cui è richiesto un aumento dei globuli bianchi e influisce positivamente sulle capacità visive e sull’attenzione.

 

Verde: è considerato il colore jolly. Nella sua tonalità più chiara aumenta la vitalità e può essere impiegato al posto del rosso se si richiede un’azione stimolante non troppo forte; può essere utile alle gestanti. Nella sua tonalità più scura ha un’ottima azione antibatterica, è un buon disinfettante. È utile per il rilassamento in stato di veglia, per abbassare la febbre e contro la cefalea.

 

Indaco: si ottiene dal blu scuro e dal viola, ha un’azione purificatrice; cura le infiammazioni; è un astringente e possiede un effetto sedativo.

 

Abbigliamento: un indumento arancione, rosso o giallo rallegra, dona calore, aiuta a recuperare le energie e stimola l’intelletto;

 

un vestito blu, soprattutto se è scuro, viene percepito come rilassante.

 

Dall’effetto energizzante, il rosso stimola il corpo, i sensi e gli organi pigri, ma suscita anche la combattività e in genere si indossa quando si è allegri o per dare un’immagine forte di sé e compensare l’insicurezza. Va indossato in caso di attività fisiche intense o competizioni sportive che richiedono sforzi muscolari e un notevole dispendio di energia, in quanto accelera la respirazione e fa aumentare l’adrenalina nel sangue. Dato l’effetto energizzante, non va indossato quando si praticano ginnastiche dolci, come lo yoga. Se ne sconsiglia l’uso in caso di febbre, sovreccitazione, nervosismo e stress. Occorre prudenza nell’uso del rosso quando si va a fare un colloquio di lavoro: potrebbe dare un’immagine troppo aggressiva che potrebbe indisporre l’esaminatore.

 

Il giallo fortifica i nervi e il cervello e va indossato quando ci si sente giù di corda o per superare la tristezza. È il colore consigliato in caso di depressione, promuove l’ottimismo e la fiducia nelle proprie capacità. Oltre a migliorare l’umore, fornisce una forte carica psicologica e può essere indossato per sentirsi dinamici e recuperare le energie. Risulta molto utile quando bisogna sostenere intensi sforzi mentali perché, stimolando l’attività cerebrale, tiene desta l’attenzione e sollecita la memoria. Nei casi di inappetenza, indossare il giallo aiuta a risvegliare il gusto e a stimolare l’appetito. Chi pratica la meditazione, soffre di malattie nervose o di infiammazioni non dovrebbe indossare indumenti gialli, perché è troppo stimolante.

 

Se è necessario affrontare uno stress di lunga durata si consiglia l’uso dell’arancione, che aiuta a vincere la stanchezza, dona equilibrio e stimola l’ottimismo.

 

Il rosa ha una notevole influenza sul piano psicologico e può esser indossato da chi ha un carattere forte e una buona autostima: esercita intensi influssi positivi a livello mentale che si riflettono sulla salute fisica. È controindicato per le persone emotive o molto eccitabili e per gli anziani.

 

I capi d’abbigliamento nei toni chiari e puri del giallo, del verde o dell’azzurro possiedono proprietà rinfrescanti e disintossicanti.

 

Il giallo-verde ha effetti rigeneranti sul piano fisico, promuove il ringiovanimento e aiuta gli apatici a recuperare l’entusiasmo.

 

Il turchese è un ottimo tranquillante anche nelle versioni più scure rispettivamente dell’azzurro e del blu. Questo colore, per le sue qualità calmanti, si contrappone al rosso ed è molto utile per chi soffre di problemi nervosi e pressione alta o per ridurre l’eccitabilità e la tensione dopo una dura giornata di lavoro. A chi soffre di insonnia si consiglia di indossare un pigiama blu. Non va bene indossarlo in caso di dieta in quanto, inducendo un rallentamento del metabolismo, tende a favorire l’accumulo dei grassi.

 

Tra i colori il verde è il miglior agente terapeutico, è in grado di influire sull’intero organismo e sul sistema nervoso, favorendo il benessere fisico e psichico. È utile indossarlo quando si ha bisogno di serenità, equilibrio e tranquillità. Si consiglia l’uso di occhiali con lenti colorate verdi che, grazie alle loro proprietà decongestionati, danno sollievo agli occhi stanchi e tonificano il nervo ottico. Secondo la moderna cromoterapia applicata agli occhi, alternando in modo ritmico il blu per correggere la miopia e il rosso per correggere la presbiopia, si può migliorare la funzionalità dell’occhio.

 

Si consigliano indumenti viola quando si è stressanti o iperattivi, perché grazie alla sua azione sedativa, placa le tensioni nervose e mentali e domina gli stati d’ira. Si ricorre a questa tonalità anche per stimolare la creatività, favorire la meditazione, per curare l’insonnia. Questo colore non va indossato in caso di depressione o in un periodo di infelicità.

 

Secondo la cromoterapia, l’uso indiscriminato del nero è dannoso: se indossato abitualmente o per lunghi periodi, abbassa le difese naturali e predispone alle malattie.

 

Per curarsi da soli con i colori è molto utile l’uso delle gemme sia montate in gioielli sia incastonate in anelli, bracciali o ciondoli di collane. A seconda della loro cromia è possibile ottenere specifici benefici, con:

 

·        Il verde dello smeraldo si può ritrovare il benessere generale e la calma;

 

·        Il rosso del rubino e del granato, si ottiene un’azione stimolante anche a livello sessuale;

 

·        Il giallo del topazio e dell’ambra si ha un effetto stimolante ed energizzante, in grado di contrastare gli stati depressivi;

 

·        Il blu dello zaffiro, del lapislazzuli e dell’acquamarina si guarisce dall’agitazione fisica e mentale;

 

·        Il viola dell’ametista è possibile inibire l’iperattività di organi e ghiandole e curare l’insonnia.

 

A tavola: si possono mettere nel piatto alimenti di colore:

 

o       Rosso, come pomodori, barbabietole, ravanelli, ciliegie, cocomero, quando si ha bisogno di ritrovare vitalità. Accelerano il metabolismo e aiutano a dimagrire;

 

o       Arancione, come carote, zucche, arance, albicocche, cachi e meloni, utili per curare l’asma e le malattie respiratorie, per migliorare la funzionalità alla tiroide e del fegato, per recuperare vitalità;

 

o       Giallo, come granoturco, banane, ananas, pompelmi, uova, burro e formaggio, che stimolano cervello e reni e aiutano la formazione di tessuto nervoso;

 

o       Verde, come insalate, sedano, asparagi, piselli, fagiolini, spinaci, che hanno effetto disintossicante e decongestionante;

 

o       Blu, come mirtilli, susine, prugne e uva, ideali quando si vuole mettere peso, perché rallentano il metabolismo.

 

Chi vuole curarsi con i colori può contare sull’acqua solarizzata. Si ottiene esponendo al sole per due giorni un contenitore di vetro trasparente colorato pieno di acqua naturale. La solarizzazione modifica la struttura molecolare dell’acqua a seconda del colore che ha fatto da filtro. L’acqua solarizzata:

 

§         Rossa darà effetti energizzanti;

 

§         Verde è utile come disinfettante delle piccole ferite;

 

§         Blu potrà essere usata come impacco per far riassorbire i lividi;

 

§         Gialla è efficace per contrastare la stanchezza.

 

Le virtù dell’arcobalenoultima modifica: 2007-10-15T16:33:53+00:00da bracca82
Reposta per primo quest’articolo