RIMEDI VARI

 


– Se fai fatica a prender sonno: 10 gocce di estratto fluido di Biancospino prima di coricarsi ed anche nel corso della giornata per filtrare le tensioni.


– Per placare l'ansia: Tilla tormentosa MG, 25 gocce, 2-3 volte al giorno associata a Melissa o Passiflora (stesso dosaggio).


– Se vuoi una sferzata di energia: vitamina C e ginseng, al mattino.


– Un metodo che aiuta a respirare meglio e a risolvere piccoli e grandi problemi psicologici è il "respiro della tortorella". È utile per liberarti del nodo alla gola emotivo (angoscia) e per alleviare i sintomi di raffreddore, faringite, laringite. Abbandona il capo all'indietro e respira facendo passare più aria che puoi nella zona laringe. Produrrai un suono gutturale, simile al richiamo della tortora. Inspirazione ed espirazione devono susseguirsi molto rapidamente.


Respira col diaframma. Fai un respiro lento e profondo, riempiendo completamente i polmoni d'aria: vedrai che il diaframma, muscolo che separa la cavità toracica da quella addominale si abbasserà e la pancia si gonfierà. Con un po' di esercizio riuscirai a farlo anche stando in piedi.


– La cura dell'acqua solarizzata: si riempie una bottiglia di acqua e la si avvolge in un foglio di plastica colorata (il colore antistress per antonomasia il blu). La bottiglia dovrà essere esposta alla luce solare per 24 ore, e manterrà pio la sua carica per due giorni. Un bicchiere d'acqua blu ogni 2-3 ore aiuta la concentrazione.


– Un esercizio che agisce sul piano psicologico, liberando la mente, e su quello fisico cancellando tensioni e rigidità: riempi per metà di sabbia (o di legumi secchi) una ciotola con il fondo tondeggiante. Poi falla muovere piano in vari sensi e osserva come si sposta la sabbia. Nota che, quando la sabbia scivola in una direzione, anche la ciotola tende a cadere da quella parte. Ora pensa alla tua testa come alla ciotola; al tuo cervello come alla sabbia. Inginocchiati a terra, con le natiche appoggiate ai talloni. Appoggia la fronte a terra e le mani davanti alle spalle, perché il peso del corpo non interferisca con il movimento della testa. Piano muovi la fronte -ben appoggiata- verso destra e verso sinistra. Senti la "sabbia" che scivola da una lato all'altro, facilitando il movimento. Il cervello "scorrerà" rilassando le strutture cerebrali.


– I tre esercizi chiave del rilassamento da praticare ogni giorno:


1) Respirazione: seduta, con la schiena appoggiata alla parete, inspira lentamente gonfiando non il torace, ma l'addome, espira lentamente.


2) Esercizio per il collo: mano destra sull'orecchio sinistro, tira la testa verso la spalla con molta delicatezza, e poi ripeti dall'altro lato.


3) Ora lascia andare la schiena. Basta mettersi in ginocchio sul pavimento e piegarsi in avanti lentamente fino a toccare terra con la fronte. Sono sufficienti 2 minuti in questa posizione per sentirsi più tranquille.


– Esercizi per rilassare la schiena:


1) distesa, braccia aperte, porta le ginocchia piegate sul lato destro e ruota la testa sul sinistro, poi viceversa. Ripeti più volte da entrambi i lati.


2) distesa con la schiena appoggiata a terra porta le gambe piegate sul petto. Tienile strette con le braccia, respirando lentamente. Ripeti 10 volte.


3) in piedi, con le gambe divaricate, busto piegato, fai oscillare le braccia da destra a sinistra, il più sciolta possibile.


– L'Ylang Ylang è un vero toccasana per le piccole depressioni da stress, il timo è un eccellente anti-ansia mentre quello di lavanda favorisce il sonno.


– Contro la stanchezza mentale metti in una vaschetta posta sul calorifero 2 gocce di ognuno di questi olii: bergamotto, basilico, pino, limone.


– Per contrastare la cefalea tensiva sciogli in un cucchiaio di olio di mandorle dolci 2 gocce di menta e massaggialo sulle tempie.


– Prova a vincere la malinconia con il bagno all'olio essenziale di Vetiver: versa 20 gocce nell'acqua della vasca e stai immersa per 15-20 minuti.

RIMEDI VARIultima modifica: 2007-04-24T10:23:29+00:00da bracca82
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “RIMEDI VARI

Lascia un commento